Il teatro secondo noi

Una scena dello spettacolo "Il lavoro di Vivere"

Una scena dello spettacolo “Il lavoro di Vivere”

In un contesto (semi) circolare con palcoscenico a piano terra ci siamo calati in una camera da letto. Crisi di identità di coppia? Ritorno alla solitudine? Tutto ciò è stato affrontato in un interessante spettacolo teatrale che abbiamo potuto seguire al Teatro Franco Parenti di Milano. “Il lavoro di vivere”: un gioco al massacro della coppia ma anche dei single.

In una programmazione teatrale assai ricca nella nostra città – che spazia dalla rappresentazione camorristica della “Medea” ad uno spettacolo interamente dedicato alla carriera calcistica di “Rombo di Tuono” nel giorno del suo settantesimo compleanno – anche noi abbiamo modo di sperimentare e esercitarci con l’attività teatrale settimanalmente. Una bella, vivace ed intesa esperienza che da anni possiamo svolgere grazie ad una guida appassionata di teatro. Uno spazio multidisciplinare, coinvolgente e che facilita l’esperienza di farsi gioco di se stessi.

Un’esperienza olistica, che unisce aspetti e momenti divertenti alla possibilità di riflettere e mettersi in gioco con improvvisazioni, letture e strumenti che si muovano anche nell’ottica dell’interazione nella realtà. Quest’anno abbiamo deciso di dedicarci al tema della struttura e dell’intreccio… che vi spiegheremo in una nuova apposita sezione distillata.

“Noi inventori di favole, che crediamo a tutto, ci sentiamo in diritto di credere che non è ancora troppo tardi per intraprendere la creazione di una nuova e devastante utopia della vita, dove nessuno possa decidere per gli altri addirittura il modo in cui morire, dove davvero sia certo l’amore e sia possibile la felicità e dove le stirpi dei condannati a cento anni di solitudine abbiano finalmente e per sempre una seconda opportunità sulla terra”.
Gabo, Gabriel Garcia Marquez. Stralcio del discorso di accettazione del Nobel, 1982.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Di tutto e di più. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...