Liberazione – parte II

Liberazione – in partenza

 (segue)

Eravamo tutti seduti nel salotto di Marco, intenti a pianificare il viaggio. Il clima era rilassato e festoso , e nessuno pensava che fosse necessario procurarsi biglietti di treno e traghetto o verificare l’effettivo tenuta delle tende che avevano pensato di utilizzare.  Nonostante ciò, nessuno era particolarmente preoccupato , anzi il problema principale era riempire le nostre pance affamate. A dir la verità Marco aveva provato più volte a convincere gli amici ad ascoltarlo e a sbrigare quelle semplici commissioni. Il risultato però era stato che Roberto e Gianni avevano realizzato di avere una gran fame  e la soluzione divenne rivolgersi alla dispensa di casa di Marco. Eccitati e non curanti dei richiami dell’amico , i due decisero di usare pressoché tutti gli ingredienti disponibili. Spinti dal l’entusiasmo della partenza e senza alcuna conoscenza in materia di cucina , una confezione da mezzo chilo di spaghetti venne messa a bollire in acqua rigorosamente non salata per loro due soltanto. 

 Nonostante l’entusiasmo dei due cuochi, quella dose elefantiaca di spaghetti venne di fatto abbandonato a se stessa, presi come eravamo dalle più svariate idee e progetti per l’imminente vacanza a cui anche io in quel momento sentivo di dover in qualche modo contribuire. A dir la verità sentivo , quasi si trattasse di una premonizione, che una qualche serie di sventure e buffi contrattempi stessero per abbattersi sui miei tre amici. E ne ebbi assoluta certezza quando vidi quel famoso mezzo-chilo di pasta passare direttamente dalla pentola alla spazzatura. I nostri appetiti non vennero ovviamente saziati. Ma dopo mille discussioni, idee bizzarre e progetti velleitari si riuscì a stabilire orario e luogo di partenza. Sarebbero partiti per la Sardegna, appena dopo gli esami orali della maturità che stavamo svolgedo in quei giorni. La Barbagia li aspettava , e non stavano più nella pelle all’idea che finalmente vi ci si sarebbero recati. Dopo due giorni, i tre si trovano al porto di Livorno, destinazione Golfo degli aranci. Finalmente Sardegna. 

(continua)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Di tutto e di più. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...